XTERRA France Nouvelle Aquitaine. Due prime volte: Paties e Chanè.

Aggiornato il: ago 30


XTERra France Nouvelle Aquitaine: podio maschile.

Il 2020 del circuito XTERRA decolla in Francia dove per la prima volta si corre un XTERRA Full. Si intende che per prima volta parliamo della location. Alla più conosciuta Xonrupt quest'anno si sarebbe dovuta affiancare una seconda tappa, appunto, Nouvelle Aquitaine. Il Covid invece ha voluto che a tenere alto l'onore francese ci dovesse pensare proprio la nuova arrivata che ha dato il via alla stagione XTERRA, a fine agosto.

A tenere alto l'orgoglio francese ci hanno poi pensato i due portacolori del team Organicoach di Nicolas Lebrun e Alexandra Borrelly, Maxim Chanè e Alizeèe Paties.

Chanè non è certo un volto nuovo nel panorama XTERRA mondiale con tante tappe del circuito europeo alle spalle nonostante la giovane età e anche un mondiale alle Hawaii. In forma strepitosa, meno di una settimana fa aveva fatto capire che sarebbe stato difficile da battere anche quest'oggi, laureandosi campione francese di cross triathlon davanti a due mostri sacri del cross come Arthur Forissier e Francois Carloni.

Alizee Paties all'arrivo

Chanè è uno che nuota piano, alla Roger Serrano per capirci. In t1 presentava già un credito di oltre un minuto rispetto al secondo in classifica. Da dietro la truppa provava ad organizzarsi per andare a prenderlo. Forissier, Serrieres, Carloni, Ruzafa, tutti con la bava alla bocca per cercare di prendere il francesino. Sembrava che proprio Forissier avesse birra in corpo nella frazione trail per tornare sotto. Ma un calo inaspettato da metà gara in poi lo ha relegato in terza posizione preso anche da Arthur Serrieres che recuperava diverse posizioni. Proprio quel Serrieres che fino a qualche giorno fa lottava contro il Covid che lo aveva debilitato e che sembrava non lasciargli forze per poter competere nella tappa nazionale. Non una gran giornata per Ruben Ruzafa, sesto, dietro a Francois Carloni, uomo di una costanza impressionante e Dupras che c'entra il suo miglior piazzamento. Settimo Jud e ottavo il nostro Filippo Barazzuol che però si aspettava di non poter lottare per le prime posizioni causa una preparazione non proprio eccellente, soprattutto nel nuoto. E' però fiducioso nella ripartenza.

La lotta nel gentil sesso si riduce ad una rincorsa ad Alizèe Paties che dopo l'abbandono di Morgane Riou, della quale non abbiamo notizie certe, sembrava effettivamente la favorita dopo la conquista del secondo posto nel campionato francese della settimana scorsa. Marta Menditto la rincorre dalla frazione nuoto fino alle ultime battute del trail senza mai però riuscire ad avvicinarsi e lottare per la prima posizione: "Nella mtb Alizèe era davvero imprendibile.

Marta Menditto

Ci ho provato ma il percorso, nervosissimo e molto tecnico, pieno di rilanci e con salite corte non mi si addiceva in maniera particolare. Una caduta mi ha definitivamente allontanato da lei in mtb. Ci ho provato ancora nel trail ma alla fine mi sono dovuta accontentare della seconda posizione, in tutti i casi il mio miglior piazzamento in una gara XTERRA. Domani short-track e poi si corre in Repubblica Ceca per una delle gare che più si addicono alle mie caratteristiche."

Stavolta, in Rep Ceca ci saremo anche noi. Il camper parte giovedì per godersi il weekend ceco, correre e poi festeggiare alla Pivovar di boss Michal Pilousek in piazza a Prachatice.


Emanuele Iannarilli | Cross-Tri


Pic: XTERRA Europe (facebook)

Cross-Tri di Emanuele Iannarilli - Via Montale, 22 Anzola dell'Emilia (BO) - Italy - P.Iva 03438921201 - infocrosstri@gmail.com