XTERRA European Championship 2020: Malta, Croazia, Grecia, Portogallo, Italy Garda.


Rui Dolores, vincitore XTERRA Malta 2019

Passato il natale, assorbita l’orda di carboidrati e grassi ingurgitata in pochi giorni, fatti i conti con la bilancia, il colesterolo, i sensi di colpa e il conto in banca ci si ricorda di essere, in fondo un triatleta, un cross triatleta. Quando sei un cross triatleta in questa era, tieni in mente due cose: la moglie e XTERRA. Beh, per la prima sapete bene di cosa parliamo. Alla moglie devi pensarci per tempo se vuoi pensare di farti qualche trasferta europea XTERRA, magari da solo o con il team. Quale miglior occasione è il natale per “addolcire” la pillola con grandi giornate passate insieme e regali da amante perfetta? Non lo avete fatto? Male, molto male. La seconda perché il cross negli anni 2000 significa XTERRA e basta. E non è come IRONMAN che è vero, “spadroneggia” ma qualche alternativa si trova, XTERRA è XTERRA e per carità, lunga vita a XTERRA. Chi saremmo senza? Dove correremmo senza? Ve lo siete mai chiesto?

Se hai fatto tutto bene al 9 gennaio sei pronto per andare a pregare in turco per 1/2 trasfertine di inizio stagione in Europa. Se sei stato anche furbo e previdente hai anche pensato di fare le iscrizioni scontate fino al 31 dicembre prendendoti quella sana dose di rischio che ti avrebbe potuto far risparmiare qualche decina di euro. Ma forse in questo caso il gioco non valeva la candela e allora…mano al calendario e vediamo cosa si può fare, da subito.

Il 4 aprile si esordisce con XTERRA Malta. La tappa “isolana” è in voga da diversi anni aumentando partecipanti e innalzando gli standard organizzativi. Della saga Cipro/Malta di inizio stagione 2019 è sopravvissuta solo lei e i motivi ci sono tutti. Analizzando i punti forti della tappa maltese ci viene da segnalare il percorso e la location. Nuoto nella bellissima baia di Golden Bay e frazione bici sulla costa per due giri da circa 15 km con pochi metri di dislivello? Facile? Naaaa, il terreno sconnesso, i sassi la fanno da padrone come anche nella frazione run, una delle più belle del circuito. Occhio al vento, che se presente cambia le regole del gioco in un batter d’occhio. L’organizzazione non è né Italia né Belgio per capirci ma un weekend a Malta ad aprile per iniziare la stagione ci sta tutto. Voli economici, alloggi economici e con un po’ di fortuna temperature miti.

Prove tecniche a Malj Losjni

Croazia.

Sappiamo poco della gara croata, alla sua prima edizione. Se il buongiorno si vede dal mattino non ci si aspettano brutte figure da una gara che alla sua prima edizione esordisce come gara Gold. O sei un pazzo, o sai quello che stai facendo. La testimonial, Helena Karaskova e i video che cominciano a girare sulle pagine XTERRA ci fanno ben sperare. Di nostro garantiamo per la location. Bellissima Malj Losini, girata in mtb qualche anno fa. Terreni sassosi, senza estremi passaggi tecnici. Paesaggi maestosi e viste mozzafiato. La domanda è: ma la temperatura dell’acqua ad aprile sarà come la parte del nostro adriatico? Se si, siamo messi male. Ad Majora.

In grecia vi portate la bici in spalla...ma non solo in Grecia

Grecia.

Ormai un must del circuito europeo. Grande scenario e organizzazione rodata dal testimonial lasciato da Kostas Kourmagialis attuale responsabile comunicazione XTERRA Europe. Il periodo è sempre particolare in concomitanza con il nostro IRONTOUR all’isola d’Elba una delle più belle manifestazioni di triathlon cross in Italia per percorsi e scenari. Il “ponte” che quest’anno tale non è, fa sempre lievitare i costi della trasferta greca ma spulciando qua e là e accontentandosi si riescono a trovare sistemazioni economiche e voli altrettanto abbordabili. Se poi ci mettiamo qualche giorno ad Atene, allora…

Portogallo. Ritchie (XTERRA fire) in mezzo a Dolores (vincitore) e Jaime Rosa (organizzatore)

Portogallo.

Sul Portogallo sappiamo di sicuro che è stata la prima volta per un’italiana vincitrice del circuito XTERRA. La neo campionessa del mondo Eleonora Peroncini, fresca di medaglia d’oro volò lo scorso anno a Golega e portò a casa la sua prima vittoria XTERRA della carriera. Si narra di temperature da forno a microonde con umidità simile a Usa ’94 di calcio. Acqua calda da lasciare muta e anche costume a casa, frazione di bici poco tecnica ma molto, molto affascinante nei boschi di Golega, come anche la frazione run con particolari paesaggistici notevoli. Si vola con poco meno di 80 euro su Lisbona e con un’oretta e mezza si è a Golega. Si dorme e si mangia con molto poco. Un’esperienza da fare insieme magari con una toccata nell’oceano portoghese a fine avventura.

Italy Lake Garda.

Tra le prime del calendario 2020 possiamo senza dubbio asserire la gara con standard organizzativi di alto livello. Ormai al terzo anno, Garda regala percorsi stupendi, location da urlo e un weekend in cui dal venerdì alla domenica si susseguono eventi su eventi. Se volete prenderla come carico di allenamento vi fate i 3000 di nuoto e la gara di trail al sabato e poi il full domenica. Se invece volete fare “solo” XTERRA vi godete i bimbi il sabato, vi girate la costa gardese ovest e il villaggio expo che fa sempre il suo. Preparatevi però, Garda non si regala a nessuno. In salita avrete di che soffrire, in discesa, di che bestemmiare. In acqua, ecco dipende da quanta neve ci sarà sui monti circostanti, lo scorso anno era ghiacciata e per molti è stato un problema. Poi però la ricompensa è alta e ci tornerete.

Chiudiamo questo primo tour nel calendario XTERRA 2020, informandovi che se volete, noi, saremo a Malta, Croazia, Portogallo e Garda. Vedete, la Grecia salta perché saremo all’IRONTOUR. Se volete condividere con noi le avventure, fate un fischio, ci siamo!


Cross-Tri

Cross-Tri di Emanuele Iannarilli - Via Montale, 22 Anzola dell'Emilia (BO) - Italy - P.Iva 03438921201 - infocrosstri@gmail.com