Triathlon Cross Vienne Condrieu. Fleureton e Forissier combattono per la vittoria.


Periodo di magra purtroppo in Italia per il triathlon cross. Dopo il weekend di fine agosto bisognerà attendere qualche settimana (il 6 ottobre) per poter tornare in pista in occasione dello sprint del Conero e poi a metà ottobre per il 30Eggs nella stupenda baia di Trentova ad Agropoli. A tanti però è rimasta tanta voglia di triathlon cross e considerato che anche gli XTERRA sono finiti in Europa in attesa della finale mondiale di Maui, qualcuno ha pensato di varcare il confine franco-italiano per tornare a mettere cuffia, scarpe da mtb e da trail running. La strada è quella che da Torino sale verso il Monginevro, La Grave, Grenoble e poi Vienne de Condreau. Non si può dire che la location sia altisonante ma come spesso accade in occasione di gare di triathlon è l’ambiente circostante che comanda non il nome del posto. Così, due italiani che sono andati ci hanno regalato la loro testimonianza sull’evento francese al quale erano sulla start line, Fleureton, vincitore di un XTERRA in questa stagione e, udite udite il campione del mondo del Team TVert Arthur Forissier, entrambi in preparazione per la trasferta hawaiana di fine ottobre nella quale si contenderanno il titolo di campione mondiale XTERRA con altre decine di pro, che difficilmente rinunciano all’appuntamento americano/hawaiano.

I testimoni, Riccardo Roatta e Roberto Cornaglia ci raccontano di una location e di un evento non delle grandi occasioni. Nel senso che non è propriamente un evento di prim’ordine a livello di villaggio e contorno ma organizzato molto bene, con tutto ciò di cui si ha bisogno per affrontare la gara in sicurezza, divertendosi e godendosi i bellissimi tracciati di mtb e trail.

Neanche a dirlo se la giocano i due favoriti poc’anzi menzionati. Nel nuoto però, come spesso accade, i pronostici non servono. E’ una frazione anomala dove si mischiano sempre le carte e dal mazzo esce sempre qualche asso. Ben presto però Cedric e Arthur rimettono le cose al loro posto balzando al comando. Forissier fatica a tenere il passo di Fleureton che rifila al campione del mondo un minuto in t2, dopo essere usciti dall’acqua praticamente insieme. Niente può Forissier nella frazione di trail nella quale il vantaggio rimane pressochè inalterato. Vince dunque Fleureton con Forissier ad un minuto. Terzo Francois Pourchel a 7 minuti dalla testa della gara.

Nella gara delle donne trionfa Flora Perrin.


I nostri eroi partono forte e Riccardo nella frazione mtb entra nella top ten dando l’impressione di poter ancora risalire. Ma, come ogni tanto accade, non tutte le ciambelle riescono col buco e si ritrova a dover riparare una gomma forata. Perde qualche minuto ma riparte e prova a riportarsi nella top ten.

Cornaglia da’ tutto ciò che ha e alla fine viene ripagato con un 33esimo posto assoluto dopo aver pagato tantissimo in acqua. Riccardo chiude appena al di fuori della top ten, un buon undicesimo posto per lui. Conta anche questo per carità, ma contano più di tutto le ottime sensazioni che hanno avuto durante la prova francese che ha destato ottima impressione.


Cross-Tri

Cross-Tri di Emanuele Iannarilli - Via Montale, 22 Anzola dell'Emilia (BO) - Italy - P.Iva 03438921201 - infocrosstri@gmail.com