Record in Brianza per il Duathlon Cross. Ma chi sono i favoriti?

E record fu, in Brianza, per il duathlon cross di domenica 23 febbraio.

Che vi dobbiamo dire? Che siamo contenti? E certo che lo siamo. Ogni volta che ad una gara di cross, triathlon o duathlon che sia, si raggiungono numeri migliori, in crescita con tanto entusiasmo messo in campo dagli organizzatori, raccolto a propria volta da chi ha deciso di partecipare lo siamo, si! Se il movimento si dice in crescita da qualche anno allora lo deve dimostrare con in numeri, gara dopo gara, alzare l’asticella sugli eventi e coinvolgere partecipanti, appassionati di discipline complementari e lanciarli nella mischia dell’appassionante vortice dell’off-road multidisciplina.

230, un numero che dobbiamo dire la verità era più una speranza che un vero obiettivo. Giorno dopo giorno, test dopo test, l’interesse è cresciuto. Ora viene il bello, e il TTB deve confermare la fiducia riposta da tanti appassionati. Sappiamo quanto ci tengano, perciò ne siamo certi.

Scorrendo la starting list ti viene in mente solo una domanda: ma Rinaldi e Ugazio? Perché non ci sono? In realtà i motivi li sappiamo. Ciò che vogliamo dire è che mancano solo loro. Gli altri, donzelle comprese ci sono proprio tutte.

La starting ve la alleghiamo così ve la guardate con calma, ma voglio dire, vi rendete conto di quante se ne daranno a Sovico? I vincitori dello scorso anno Ridolfi e Bolzan, il primo campione italiano di Cross Triathlon, se la dovranno davvero sudare.

Partendo dal gentil sesso, ci fa strapiacere vedere al via “La Pero” mondiale, che sarà al rientro ufficiale dopo la brutta botta presa allo short track di XTERRA Czech dello scorso agosto. Martolina, Marta Menditto, vorrà la rivincita dopo la seconda piazza dello scorso anno. Dalle nevi altoatesine arriva fresca di prestazioni stratosferiche nel winter triathlon, la campionessa italiana di cross, Sandra Mairhofer; pensate venga a Sovico a fare un giretto di cortesia? Mmmm, non crediamo proprio.

E Cibin? Anche lei rientra in gara e sarà come sempre un osso duro. Non sappiamo quale possa essere la condizione ma se c’è allora vuol dire che è in grado di giocarsela. Che battaglia ragazze, siamo già emozionati.

Ehi fanciulli, avete preparato scudi ed elmetti? Lo scorso anno è stata lotta a due, Ridolfi, Cucco. Quest’anno i due ci saranno e siamo sicuri non regaleranno niente a nessuno. A meno che Cucco non stia già pensando al carnevale di Ivrea J. Col pettorale numero 1, Pradella. Il “Golden Boy” del cross, fresco di casacca K3, saggerà il suo rientro in gara dopo qualche mese di stop dalle competizioni. Nicolardi senza il nuoto come se la caverà? Lo scorso anno le quote ai campionati di cross triathlon non erano male. Qui però preferiamo non sbilanciarci e valutarlo alla prossima.

Altro giovane terribile in lizza di partenza: Spagnolo, che lo scorso anno dopo le prime rampe mtb cedette qualche posizione quando era nei primi 3 posti. Anche per lui non sarà facile, ma ormai sappiamo che da lui ci possiamo aspettare davvero di tutto. Il blocco POOL Cantù schiererà tutta la potenza di fuoco di cui è capace. In avanscoperta Galli, Gatti e Bozzato che vediamo in ottime quotazioni per il podio. A coprire le spalle ai 3 alfieri di casa Cantù, Fafo Fognini, Andrea Zanenga e il fresco “paparino” Figini.

Riusciranno i verdi di casa Bianchi-Dama a tessere la tela per dare spazio all’armeria pesante e agguantare il podio? Per un posto direi che ci siamo, ma forse anche due.

Menzione a parte la merita Filippo Barazzuol. Ci ha abituato a “volare basso”, un volo radente che spesso nei duathlon si è tramutato in exploit degni di vittorie eclatanti. Non sappiamo su quali monti sia stato a sciare questo inverno, non sappiamo quante migliaia di metri di dislivello con gli sci d’alpinismo abbia macinato ma siamo sicuri che in questo periodo della stagione potrebbe avere una gamba già rodata per partire subito e calare un bell’asso. Crediamo che un posto sul podio per Filippo possa esserci. Poi ci sono gli outsider che però temiamo che con una starting list così non possano sperare in un podio. Lo scorso anno, Davite e Molteni per esempio fecero una gran bella gara e la faranno anche quest’anno senza dubbio.

Non vediamo l’ora che sia sabato. Dalle 13 in poi ogni momento sarà buono per una diretta, un’intervista a caldo o a freddo. Ci saranno anche Massimo Galletti, coach della nazionale cross, Mauro Garavaglia, comitato Fitri Lombardia, Marco Zoppi, deus ex machina di XTERRA Italy Lake Garda. Non mancheranno dunque le persone alle quali chiedere pareri e condividere un weekend di sport al massimo a partire dalle 15 di sabato quando si correrà la Wild Run. 8 km non competitivi sul campo gara.

Orari dirette Cross-Tri:

Sabato: a sensazione, tutte le volte che ci andrà, tutte le volte che avremo da raccontarvi qualcosa.

Domenica:

- ore 9: pre-gara, interviste, sensazioni, emozioni prima della partenza.

- Ore 9.40: partenza batteria donne e diretta dal campo gara fino alla fine della corsa

- Ore 12:40: partenza batteria uomini e diretta dal campo gara fino alla fine della corsa


Only The Brave!!!


Cross-Tri








Cross-Tri di Emanuele Iannarilli - Via Montale, 22 Anzola dell'Emilia (BO) - Italy - P.Iva 03438921201 - infocrosstri@gmail.com