Kolossal Isola d'Elba, il calamita, la natura, la fatica, lo spettacolo...la cattiveria.


Podio Uomini.

KATTIVERIA ALLO STATO PURO! Altro che Kolossal. Se siete triatleti, ma ignoranti sul serio e amanti della polvere il Kolossal è la gara adatta a voi. L'organizzazione Spartacus Events ormai è una costante, che ve lo dico a fare! Sanno quello che fanno e lo fanno bene! I 2000 metri di nuoto oggi erano "interessanti" dato l'onda lunga che c’era nella baia di Pareti, ma per chi è abituato a nuotare a mare il moto ondoso non era altro che un utile stratagemma per risparmiare energie.

Scarinci, primo ad uscire dall'acqua

Il percorso mtb ti lasciava senza fiato, per le salite, le discese, le salite appena dopo la dismount line (di una cattiveria stratosferica se non addirittura sadismo puro), le salite ripide, le salite ripide sulle pietraie! Approvate dall'ordine dei proctologi italiani, per i panorami, c'era sempre una spiaggia o una caletta ad allietare la sofferenza! Era un percorso di bici bello, duro, tecnico.

Pietraie in salita, in discesa e in piano. I passaggi nei pressi della miniera, che ve lo dico a fare. Fantastici!

Come fantastica era la macchia mediterranea che accompagnava tutta la gara, il terreno e le rocce ROSSE. Tutto perfetto se qualche simpaticone non avesse tolto un cartello che ha fatto perdere la testa della gara al primo, ma vabbè la mamma degli scemi è sempre incinta. Il percorso trail run vi attende con i gradini del diavolo ma, usciti dalla zona cambio vuoi per l'ipossia, vuoi per il sole, vuoi per caldo, vuoi per la stanchezza, ma la visione di alcune armoniche e sode dune di muscoli e carne spedivano  nell'oblio quei gradini! Tengo a sottolineare percorso trail run, perché "miseria", su 15km forse c’erano 3 km di asfalto, per giunta in salita!!!

Podio donne

Il percorso si articolava nel bike park Calamita, immerso nella vegetazione mediterranea contraddistinta da un terreno prevalentemente rosso e prevalentemente in salita!

Le discese qualcuna in pietraia diventavano più insidiose a causa della stanchezza che si accumulava in salita. Che bisogna dire piu? Niente! L'anno prossim, se avete il coraggio, venite a farvi un giro.

Da Capoliveri è tutto.


Kikko Rofrano | Cross-Tri

Cross-Tri di Emanuele Iannarilli - Via Montale, 22 Anzola dell'Emilia (BO) - Italy - P.Iva 03438921201 - infocrosstri@gmail.com