Il Triathlon: che razza di sport. Dai 100 kg a XTERRA Italy Lake Scanno. Un'esperienza di cross.


XTERRA Belgium: l'uscita dalla Mosa

Nasco, sportivamente parlando come cestista, ma sempre innamorato dello sport in generale. 7 anni fa, casualmente navigando in rete, trovo un video di triathlon di un papà che supporta il figlio disabile nel portare a termine una gara famosa ed importante di long distance. Mi colpisce nell’anima. Preso dal video, continuo nella rete con la dicitura triathlon. FIGO, mi piace sempre più. Come mio solito mi butto a capofitto e con entusiasmo inizio ad allenarmi da solo. Mi iscrivo al Challenge di Rimini per darmi un obiettivo, tanto mancano 6 mesi. Fiato ne ho, mi alleno e la provo (seeeee, con il senno del poi).

Inizio gli allenamenti fai da te, arrivano le prime contratture, non demordo vado avanti. Niente da fare non riesco ad allenarmi per vari problemi muscolari, comincio a rendermi conto che non riesco a fare la gara, alla fine mollo. Deluso, provo a correre un po’ per non perdere l’allenamento ma mi bastano 2 km per tornare a casa con uno nuovo problema muscolare. Intanto, a Cres in Croazia, trovo un amico, Emanuele Iannarilli, che girava in MTB per gli sterrati dell’isola croata. Mi parla entusiasta del cross triathlon. Archivio l’idea come: “magari”. Comincio a prendere peso, il lavoro, la sedentarietà, trovo sempre una scusa per non risolvere il problema, arrivo a 100kg. Mi guardo allo specchio e mi faccio impressione da solo, io che sono sempre stato uno sportivo.

Ivan e l'Endurance Training a XTERRA Cyprus 2019

BASTA non sono più io, ho raschiato il fondo, comincio a cercare qualcuno che si allena seriamente, lo trovo. Alessandro Martelluzzi e con lui trovo un team “Endurance Triathlon” persone umili e fantastiche che mi sono vicine. Inizio gli allenamenti: 1 minuto di camminata 1 minuto di corsa con il monito del coach, “abbi fede”. A me sembrava non allenarmi. Un ragazzo che conosco mi sprona (mmm…) dicendomi: “poggi il cardio sulla pancia”! (quanto mi rode). Funziona, gli allenamenti crescono, i compagni sono fantastici, mi aspettano ad ogni salita, addirittura c’è chi la fa quasi due volte per non farmi sentire solo. Che motorini: penso tra me e me. Dopo 6 mesi faccio il mio primo sprint su strada. Che figo, sono completamente rapito!

Durante una sessione di nuoto ritrovo Emanuele che mi dice: andiamo a fare un XTERRA??? io: cos’è? Ve la faccio breve, mi convince facile. Mi iscrivo a Namur Belgio XTERRA full, con il coach che mi insulta perché mi ha consigliato lo sprint. La faccio in 4h 47’. Una pippa in buona sostanza, ma felicissimo di averla portata a termine dopo soli 7 mesi di allenamento.

In tutti i casi: un trionfo.

Ok ci sono, mi iscrivo a XTERRA Italy Lake Scanno e comincio a fare lo spavaldo e annuncio tutti: la chiudo in meno di 4h! Emanuele mi guarda e mi dice testuali parole: “Attento che Scanno ti fa mettere giudizio”. Dopo queste parole, penso sia il caso di una ricognizione. Dopo la prima prova percorso arrivo giù quasi tutta a piedi e dico: voi siete matti, io mi cancello! Tutti a ridere, ma sono un agonista e non conosco la resa. La riprovo e alla fine la chiudo in 5.11’. Una super pippa, ma contento di non essere mai sceso dalla mtb!

Allenamenti in gruppo

In definitiva, ho perso 18kg senza diete stressanti, ad oggi sono già iscritto a 5 gare XTERRA per il prossimo anno in giro per l’Europa, più tutte quelle su strada, fino al 70.3. La cosa più bella, che mi porta a sentirmi drogato di questo sport, è aver trovato amicizie veramente fantastiche, umili con cui condividere giornate meravigliose! Io sono Ivan Iannarilli, e se mi chiedi “chi te lo fa fare” o “come ti va” prova a venire una volta con noi e capirai, CHE CAZZO DI SPORT E’!


Ivan Iannarilli | Endurance Training

Cross-Tri di Emanuele Iannarilli - Via Montale, 22 Anzola dell'Emilia (BO) - Italy - P.Iva 03438921201 - infocrosstri@gmail.com