Campionati Italiani di Cross Triathlon: chi è il favorito?


La Mandrakata, Film.

Abbiamo deciso di aprire un’agenzia “di picchetto”, così si dice a Roma. Il picchetto o anche bolletta è un termine che veniva e viene ancora usato negli ambienti delle scommesse clandestine. Si chiedeva la quota, si scriveva su un foglietto la scommessa e si imbucava la “schedina” o bolletta in un box, detto picchetto. Ciò prima che venissero regolarizzate le scommesse anche se in realtà questo modus operandi non è del tutto scomparso. A Lavarone ci sarà la possibilità del picchetto? No, se no ci chiudono subito il sito e arrivederci e grazie. Però abbiamo voluto giocare con i protagonisti della gara di domenica e abbiamo voluto chiedere a coloro che a noi sembrano essere quelli più accreditati per la vittoria o comunque quelli che hanno una minima possibilità di vittoria o podio.

Non è stato facile. Le regole erano chiare ma già dalla prima risposta abbiamo capito che sarebbe stato impossibile mantenere la barra a dritta.

Come funzionava?

Ad ognuno veniva inviata una lista, questa:

Gatti

Fognini

Zanenga

Brazzuol

Bozzato

Nicolardi

Zontini

RIdolfi

Questi erano secondo noi coloro che se la sarebbero potuta giocare in base alle iscrizioni. Per capirci. Non è stato considerato Filippo Rinaldi perché non ci sarà, idem per Figini, per esempio.

Poi veniva chiesto ad ognuno di loro di dare delle percentuali di vittoria (somma 100), di togliere uno dalla lista (presumibilmente colui che secondo il dichiarante sarebbe stato difficile da battere) e un outsider.

Ciao. La lista si è aperta a più nomi, le somme arrivano a 300/400, gli atleti tolti di mezzo diventavano cinque, sei, tutti, come se sul lago qualcuno avesse piazzato un cecchino a mettere fuori uso tutti “tranne me”. Rientrati nei ranghi della ragione abbiamo deciso di non correggere nulla altrimenti l’articolo sarebbe uscito per i mondiali del prossimo anno.

Per farvi un esempio il grande Tommy Gatti ci ha dato le seguenti percentuali: Barazzuol 50%, Ridolfi 50%. Per lui gli altri nella lista hanno zero possibilità, compreso sè stesso. Modesto il ragazzo. Abbiamo comunque accettato il suo verdetto e ci ha anche spiegato le motivazioni di ciò…non gli tornavano i conti J. Il più matematico forse Mattia Zontini. La somma perfetta al primo colpo (ci ha pensato un po’ eh) poi ha deciso di togliere tutti (non solo uno) e candidarsi come outsider. Strategia perfetta direi. Ridolfi invece si è autodefinito “diplomatico” dando Gatti come assoluto favorito con Barazzuol a pari merito e gli altri sullo stesso piano (compreso lui). C’è poi una sorpresa che ci fa piacere e cioè che è stato tirato in ballo Cucco come outsider anche se non era nella lista. Per qualcuno invece la sorpresa potrebbe essere Spagnolo, il giovane della nazionale che potrebbe impensierire diversi favoriti. Mancherà Podda, purtroppo.

Il modus operandi comune, in tutti i casi è stato abbastanza “omertoso”. Nel senso che tutti avrebbero voluto dire ma chi per scaramanzia, chi per timidezza forse, chi perché non conosce molto l’ambiente si è rimasti molto in superficie senza affondare quasi mai il colpo.

Uno, però ci ha fatto la proposta di aprire un’agenzia di scommesse. Premio? Una birra.

Ma volete sapere alla fine secondo i votanti chi è il favorito? Oh, miseria, quasi dimenticavo. Nel gioco al massacro abbiamo coinvolto anche la coppia di DT, coach, della nazionale italiana cross: Stefano Davite e Massimo Galletti.

Dunque; il favorito sembra essere “micio” come lo chiamano i suoi amici/avversari, Tommaso Gatti. Seguono abbastanza da vicino Barazzuol e Ridolfi che all’XTERRA Garda sono arrivati uno dietro l’altro. Questo sembra per tutti anche il potenziale podio finale con poche, pochissime possibilità di inserimento per altri qualora non ci fossero imprevisti meccanici o altro.

Vogliamo sbilanciarci anche noi però stavolta e la birra la paghiamo volentieri a chi vincerà. Se però ci prendiamo, cari atleti, la pagate voi a noi, anzi a me visto che a Lavarone sarò solo a commentare la vostra fatica e la vostra prestazione.

Dall’acqua non abbiamo dubbi su chi uscirà per primo: Nicolardi metterà qualche secondo tra sé e gli altri ma non gli basterà per mantenere la posizione fino alla fine della frazione mtb. Nel bel mezzo dello stupendo giro in mtb tra i boschi e single track che ospitano, tra le altre la 100 km dei Forti, arriverà Gatti, a seguire Ridolfi, che va come una moto in mtb e Barazzuol. Se sarà in giornata, ma lui stesso dichiara di non essere in forma, potrebbe essere a poca distanza Fognini, ma quest’anno ne ha passate diverse perciò…Zanenga farà gara e frazione regolare e potrebbe puntare alla top five, così come Spagnolo e Nicolardi. Se “micio” non imboccherà il sentiero sbagliato come successo all’European XTERRA Championship in Repubblica Ceca entrerà in t2 per primo con alle calcagna Ridolfi e Barazzuol. I tre, corrono alla grande, ma su una distanza di “soli” 7 km di trail e 25 di mtb ci sentiamo di puntare su Ridolfi secondo e Filippo Barazzuol terzo che solitamente dà il meglio su distanze più lunghe e dure. Nella top five ci giochiamo Nicolardi e Spagnolo. Ah e Bozzato? Probabile non sarà della partita a meno di news dell’ultima ora per qualche problema “fisico”. E’ un peccato, nel podio lo avremmo visto molto bene.

Sara proprio Tommy "Micio" Gatti il prossimo campione italiano?

Le donne? Purtroppo con il forfait di Eleonora Peroncini e Monica Cibin (presente agli Europei di Targu Mures) la partita è scontata. Mairhofer, Menditto e Bolzan si giocheranno il titolo. Chi tra le tre è davvero difficile. Le abbiamo viste spesso alternarsi tra di loro in gare XTERRA e crediamo sarà una lotta molto serrata. Forse Sandra Mairhofer, ammesso riesca a fare una bella frazione di nuoto, sul gradino più alto. Marta dopo le ultime uscite XTERRA forse appena favorita su Matilde Bolzan che ci ha però abituato ad exploit incredibili perciò assolutamente in lizza anche lei per il titolo. 35/35/30 ci sembra appropriato. Outsider?......

Live From Lavarone, domenica 1 settembre ore 11.25 per la partenza del campionato italiano Cross Triathlon. Gas a martello e via a sudare.

Cross-Tri di Emanuele Iannarilli - Via Montale, 22 Anzola dell'Emilia (BO) - Italy - P.Iva 03438921201 - infocrosstri@gmail.com