1° Triathlon Cross di Mignano: Figini e Cibin trionfano ma…ancora una volta è duathlon.


Il triathlon cross esiste ancora? A ottobre, quando decidemmo di imbarcarci in questa avventura e cioè di comunicare questa stupenda disciplina non prendemmo in considerazione il duathlon cross per motivi organizzativi e di copertura degli eventi. A febbraio però all’ennesima sollecitazione da parte di comitati organizzativi, amici e atleti decidemmo di raccontare anche il duathlon cross e per fortuna…e si perché gli ultimi tre eventi di triathlon cross sono stati trasformati, sempre a causa di avverse condizioni meteo in duathlon, cross, ma duathlon. Mentiremmo se vi dicessimo che proviamo le stesse sensazioni a raccontare l’una e l’altra disciplina. In più, tra i ragazzi che “girano” intorno a questo progetto nessuno ha a cuore il duathlon. Anche vero è che la maggior parte di quelli raccontati fino ad ora erano nati come triathlon, ergo, amen. Viene in mente la classica e abusata frase che Brandon Lee pronunciò nel fil “Il Corvo”: “Non può piovere per sempre”. Ne siamo certi, ma è maggio e cominciamo ad avvertire un certo ammutinamento “divino” verso la nostra disciplina. Concludo il “pippone” dicendo che, ecco, sarebbe ora di riuscire a fare un triathlon cross in Italia, non si può mica sempre espatriare.

Quello che ci rinfranca però è che coloro che si trovano davanti alla necessità di scegliere cosa fare davanti a condizioni meteo avverse non si danno per vinti e cercano soluzioni alternative pur di far divertire le persone provando a tenerle lontane dai guai.

3B meteo, meteo.it, ilmeteo.it e compari vari non avevano dato speranza alcuna agli atelti, sarebbe piovuto e neanche poco. Qualcuno ha deciso di rimanere perciò a casa, qualcuno invece ha avuto comunque il coraggio di partire e subire le condizioni meteo avverse pur di attaccare il pettorale e correre con la speranza di “triplicare” non di “dualizzare”. In tutti i casi, previe modifiche al tracciato il comitato organizzativo ha introdotto un breve tratto di running di lancio di poco meno di 2 km lasciando la parte in bicicletta quasi invariata. Lo stesso discorso è valso per la terza frazione. Pronti via, chi scatta davanti nella prima frazione di running? Cucco, una certezza, arriva per primo in zona cambio. Stavolta però non sbaglia e le scarpe le cambia senza dover tornare indietro. A ruota seguono Patris, Fognini e compagnia. A qualche secondo arriva anche colui che ha già dimostrato di attraversare un periodo di forma a dir poco eccellente, Francesco Figini. Lo sanno tutti però che in mtb, in questo momento, Figini ha una, forse anche due marce in più. Esaltato dal percorso, dalle difficoltà tecniche che non sarebbero comunque mancate anche in caso di asciutto, vola rifilando minuti a tutti riuscendo anche nell’impresa di non fare danni al mezzo, che in queste condizioni, si sa, patisce non poco le sollecitazioni. La frazione riserva qualche sorpresa e mette fuori gioco uno di quelli che in zona cambio era arrivato tra i primi, Luca Molteni che avrebbe sicuramente potuto dire la sua. Cucco insegue Figini, con Gattavecchia e Fognini protagonisti di una grande frazione di bike. L’ultima frazione, nel fango, viscido e quasi impraticabile non regala sorprese in testa. Dietro invece, Tancredi Pizzo sorpassa Gattavecchia e completa il podio maschile.


Le donne vedono in partenza 3 protagoniste di domenica scorsa in Sardegna. Marta Menditto, terza ai mondiali di Pontevedra, under 23 nel triathlon cross e Monica Cibin che in Sardegna ha chiuso terza dietro proprio a Menditto e Peroncini. Questa volta però sembra ci sia stata davvero poca storia fin dall’inizio con una grande prima frazione confermata da una mtb ai livelli di tanti “colleghi” di gara maschietti di rango. Trionfa con un discreto vantaggio proprio su Marta Menditto e Dorsi Patrizia.

Come già scritto in altri report, ribadiamo che nelle condizioni in cui si è svolto l’evento è difficile giudicare l’organizzazione. L’unica cosa che ci auguriamo, per il movimento cross italiano che una stagione infame come questa non faccia demordere i comitati e che possano riproporre gli eventi anche nella prossima stagione.


Cross-Tri

Cross-Tri di Emanuele Iannarilli - Via Montale, 22 Anzola dell'Emilia (BO) - Italy - P.Iva 03438921201 - infocrosstri@gmail.com